Nebular a cura della Redazione dello SPECCHIO MAGICO

Nebular di ANTONIO MESSINA
Edizioni Il Foglio Letterario Piombino, 2011, 242 pagine,




SPECCHIO MAGICO
Sito per Scrittori Esordientidi esoterismo, mistero e spiritualità
http://www.specchiomagico.net/



Cosa sta succedendo a Nebular?Un mondo pacifico e bellissimo, dove tutti vivevano in pace, è stato sconvolto da qualcosa di inaspettato: nella città di Naiad qualcuno ha ordinato un colossale rogo di libri.Uno spettacolo terribile, "pagine svolazzanti nel cielo invernale", il fumo acre, il terrore di coloro che, dopo aver incautamente cercato di salvare qualche libro, erano costretti a fuggire inseguiti dalle guardie.E poi perché?Sadira non sa proprio spiegarselo, ma è felice di essere stata aiutata da Guillem a scappare via da tutta quella violenza.
Quando i Simin erano arrivati (forse da un pianeta lontano, si diceva...), pensavano davvero che i libri avrebbero aiutato gli abitanti di Nebular: dopotutto portavano il sapere, la cosa più importante.Ma il Potere di Nebular non poteva accettare che le idee di giustizia sociale, di libertà, di tolleranza fossero diffuse. Non poteva, per la sua stessa sopravvivenza. Perché a Nebular il Potere era rappresentato dai sacerdoti.Un potere assoluto, basato sull'ignoranza e sull'acquiescenza, oltre che sulle armate del generale Abasi... beh, forse Nebular non era un mondo poi così bello e pacifico e i Simin non erano gli eretici pericolosi da eliminare che i Sacerdoti volevano far credere.


Con Nebular conosciamo un altro dei "mondi fantastici" di Antonio Messina, in cui si ritrovano tutti i temi che gli sono cari, dallo scempio ambientale, dettato dall'avidità e dall'incuria, alla brama di potere, dalle manipolazioni mentali alla violenza sui deboli, dalla ricerca di un nuovo mondo migliore alla delusione dolorosa dello scoprire che la natura umana non cambia col cambiare dei luoghi.Ed è sempre presente la nostalgia per la propria terra d'origine lontana, che si ritrova nelle parole di uno dei personaggi, che hanno il ritmo di una poesia:


"Io... io vorrei morire qui, a pochi passi dall'acropoli,in questo fazzoletto di terra battuto dai ventie poter germogliare tra la foschia del mattino..."


Sono mondi da cui si vorrebbe fuggire, se non ci accorgessimo che ci viviamo dentro e non c'è alternativa possibile, se non quella che propone l'Autore: il sogno, che deve restare vivo nonostante tutto, perché "morto il sogno, muore anche il sognatore" e questo proprio non ce lo possiamo permettere.


a cura delle Redazione dello SPECCHIO MAGICO




















Commenti

Post popolari in questo blog

IL MALE PEGGIORE IL NUOVO ROMANZO DI G. IANNOZZI

DONNE E PAROLE DI GIUSEPPE IANNOZZI IL FOGLIO LETTERARIO