Fenomenologia di un’assenza








Fenomenologia di un’assenza
di Sara Mazzucato



Mi mancherà tutto quello che non è mai stato.
Disastroso rifugio della mia fantasia
Il posto dei verbi mai usati,
Dove la parte di me che meno appartiene al pianeta terra
Viveva e respirava ed era libera.
L'hai nutrita, senza muovere un dito.
A chi potrò raccontare, ora, che a volte vedo il cielo verde
Le strade gialle, spesso rosse.
Dove andrò a cercare le tinte fluo che giocano con la mia retina? Dove?
Ho perso il punto di fuga,
Quando una notte quella stella, fissa seppur lontana,
È scomparsa dietro la casa che andava a fuoco.
Non ce l'ho più il cannocchiale, signor dottore,
La prego di aiutarmi.
È tutto scuro qui, non ci sono neanche le fessure.
E mi creda, non è che ho paura del buio,
Ma di quello che succederà quando riaccenderò la luce.



Sara Mazzucato è una studentessa all'ultimo anno del corso di laurea in Semiotica all'Università degli Studi di Bologna, che da anni si interessa di fumetti e illustrazioni ( vedi disegno in alto )
Da qualche tempo ha iniziato a disegnare, spinta dall'urgenza di tradurre in immagini tutti i lampi creativi che le attraversano la mente. Il suo sogno è di poter scrivere un fumetto tutto suo, perché crede nella potenza di questo mezzo espressivo, che secondo lei sintetizza la bellezza del racconto con quella delle immagini. 

Ed è un lampo creativo anche questa sua bellissima poesia


Commenti

Post popolari in questo blog

IL MALE PEGGIORE IL NUOVO ROMANZO DI G. IANNOZZI

RISTAMPA AGGIORNATA DI ALMENO IL PANE, FIDEL! NEL DECENNALE DELLA SUA USCITA - 2006 - 2016. GORDIANO LUPI